greenconcept | LAB

Laboratiorio di Ispirazione, Riflessione e Nuove Tendenze

Archive for marzo 2009

The Importance of Place

leave a comment »

di iain.gray

The subject of centres, and their impact on stimulating innovation in business, came up in various meetings I was involved in last week. This has provoked me into thinking about the role of centres in our agenda, and what part they can play in the innovation initiatives being put in place to facilitate recovery after the economic downturn.

The week’s discussions started with a review, across public and private sector stakeholders, of next steps in the building of the Midlands Manufacturing Technology Centre at Ansty Park, near Coventry. The Midlands MTC is referred to in the Government’s Manufacturing Strategy launched in September last year. I believe it is important that we now find ways of moving forward with this centre quickly. It will build on the excellent contribution that the Advanced Manufacturing Centre, developed with the University of Sheffield, has already made in developing and proving new efficient manufacturing processes, including the Factory of The Future Concept. It will also be joined by the new Advanced Forming Centre being built by Glasgow Airport.

The second prompt came from an internal review of the Micro and Nanotechnology Centres, which are supported by the Technology Strategy Board together with the regions and the devolved administrations. We are carrying out a review of these Centres at present and although it is too early to report on findings or recommendations it is clear that there are some emerging trends. The Technology Strategy Board is interested in the successful exploitation of technology and innovation, building on the world class science base we have here in the UK. Our review is focused therefore on both where the technology sits in a world class context and what the business performance of the centre is. I have been hugely impressed by the centres at PeTec, with public sector funding through One North East, and at the Scottish Microelectronics Technology Centre at Glasgow, funded through Scottish Enterprise. It is clear that the way forward is an approach that focuses on world class centres of excellence rather than a ‘me-too’ approach of a centre in every region. There are some real lessons emerging on how we can manage this concept of centres across the UK.

My third prompt came with an energy flavour, and fitted in with the Low Carbon Industrial vision. It resulted from a meeting with NaRec, the New and Renewables Centre in Blythe, about establishing a world-class structural and condition monitoring centre for offshore wind devices. It is clear to me that such a move would attract both business and capability to the UK. If we wish to be viewed as world-leading in offshore wind, this kind of centre is essential. A committment will in turn attract overseas business in this sector to invest here in the UK. We need to find ways of making this happen.

And my final prompt of the week came in preparing one of my own presentations, a corporate partner briefing to the aerospace industry looking at the importance of investing in innovation during the downturn and summarizing our commitments to the sector. Facilities and centres are an important part of the aerospace landscape, including the commitments to the advanced manufacturing centres referred to earlier and the National Composites Network. This centre includes the Airbus Facility at Bristol, which I had previously been involved in establishing. Although these facilities are powerful in their own right, I believe the aerospace industry in the UK has lost out to its European and international counterparts through not having an integrated, national research centre as we had with DERA.

So my view is that centres are an important part of the innovation landscape. The question is, are we doing enough? Our own strategy, Connect & Catalyse, makes reference to their importance but when it was published last year our thinking was still developing in this area and we left our position open to consider further opportunities. People compare the UK approach to centres with those of other countries, such as Germany with its own Fraunhofer Institutes, which I have mentioned recently. I feel that we do have good centres and facilities in the UK – but that we don’t promote them or use them strategically in a joined up way. We have some terrific science parks, and great capability through small businesses in centres such as the Babraham Life Science Park at Cambridge. We have two established Innovation Centres of national importance, at Daresbury in the North West and in Oxfordshire at Harwell.

We also have the Innovation and Knowledge Centres funded through the EPSRC with support from the Technology Strategy Board, and there are many other examples built around universities and business. We need to use these more strategically to promote and build innovation capability here in the UK. I recall a good meeting I had with Karen Mills, now Chairman of the US Small Business Administration, in the Autumn of last year to review the US approach to innovation. It was clear to me that we were putting in place an approach which she respected but that we could just not compare when it came to funding. I did value her recommendation to promote cluster development and growth nationwide across the US. In this positive approach to clusters she went on to promote a two-part programme –

–          Create an information centre to map the geography of clusters and maintain a register of cluster initiatives and programmes

–          Establish a grants programme to support regional and state cluster initiative programmes nationwide that would direct financial and other assistance to individual cluster initiatives

It is interesting that in the week ahead  we will be having our next Technology Strategy Board  Strategic Advisory Group meeting with the regions and devolved administrations, where we have a similar objective of creating an overview of initiatives and alignment of funding. We are perhaps doing more than we think but just not wrapping it up in a way that promotes our achievements in the best, joined-up, big picture way. I feel that a more strategic approach to centres and facilities, with coordinated national and regional funding, could make a big difference to the UK innovation economy.

Written by Daniel Casarin

marzo 24, 2009 at 6:13 pm

Pubblicato su Strategie

Blue Thinking

leave a comment »

Blue Thinking! È la prossima generazione delle strategie messe in atto da brands che intendono abbracciare la sostenibilità come strategia di business e driver per l’innovazione. Il Blue Thinking non è un nuovo metodo di vendita e commercializzazione, non riguarda l’innovazione di un prodotto, non un cambiamento nella catena di approvvigionamento (ma molti), e non è un concetto disconnesso che dovrebbe essere applicato alle imprese a causa del cambiamento climatico. Blue Thinking significa innovazione della trasformazione.

La locuzione “Blue innovation” è stata coniato da Bob Isherwood, ex Creative Director per Saatch & Saatchi Worldwide, che ha presentato al Sustainable Brands International (SBI) il suo pensiero traducendo l’onere della responsabilità ambientale in un “oceano blu di nuove opportunità” e di fare della sostenibilità un concetto “irresistibile” per gli individui. In questi tempi di crisi economica e di collasso di industrie che hanno ampiamente oltrepassato i limiti di crescita e di pianificazione a breve termine, sembra che si sia creato un dibattito in questi ultimi 2 anni, come un’ossessione al diventare sostenibile per i grandi brands e le grandi aziende. La nuova ondata di sostenibilità infatti è strategica e l’opportunità deve essere guidata. Si tratta di una risposta delle imprese ai cambiamenti economici e di contesto mondiale . È anche una reazione contro l’inerzia e la negatività ambientale; si tratta infatti di celebrare invece l’ispirazione e la forza dei brands di “accendere il potere delle emozioni” spiega Isherwood, “guidando l’innovazione”.

Il Blue Thinking non si ferma solo perché i bilanci sono sempre più ristretti. Ma il contrario: il Blue Thinking viene incorporato nella pianificazione strategica a lungo termine ed ora più che mai in questi tempi di trasformazione. Tutti i Blue Thinker condividono una particolare qualità: essi sono stati spinti emotivamente così come razionalmente dal contesto quotidiano del nostro pianeta, ad un contesto che utilizzi la trasformare nelle loro attività guidando una forma innovazione. Ray Anderson è un grande esempio, parla con passione su questo spostamento emotivo in grado di avviare le imprese ad una trasformazione. In questo contesto si può parlare di intelligenza ecologica e di media come AskNature.org. La storia di Ray Anderson con Interface è ampiamente descritta e la sua compagnia resta una delle leader mondiali nella sostenibilità come esempio di come applicare una strategia alimentata dalla risposta alle questioni ambientali. Il Blue Thinking può essere descritto come “autentica sostenibilità”.

Un altro importante attributo comune all’emergente Blue Thinking riguarda il suo forte legame alla strategia di marca. I Blue Thinker scavano in profondità nel cuore dell’organizzazione, il loro ruolo attuale e la posizione nel mondo, le loro competenze di base e il capitale umano, di forma e puntano a definire strategicamente la loro intenzione e il ruolo in un mondo sostenibile allineandolo con il core brand.

Written by Daniel Casarin

marzo 17, 2009 at 5:06 am

Pubblicato su Strategie

Tagged with

Il Senso dell’Innovazione

leave a comment »

di Francesco Morace PreVisioni e PreSentimenti

Parlare oggi di innovazione significa dare al design e alla creatività un ruolo che fino a ieri era quello della tecnologia. Gli americani lo chiamano design thinking. L’esperienza estetica – nella sua espressione più “italiana” – colonizza il consumo e riapre i giochi, consegnandoci un mondo da ripensare, da ricreare, da ridisegnare. Un mondo in permanente trasformazione in cui il verso è multiplo: architettura, moda, design, grafica, arti visive. In questo percorso il design thinking è quanto di più vicino ci sia all’esperienza rinascimentale di incrocio tra arte, spirito e tecnologia, di cui le invenzioni di Leonardo rimangono l’esempio più elevato.

E’ in questa dimensione che va ripensato anche il senso dell’innovazione. Per rispondere a questa sfida è necessario definire un percorso in cui il design avanzato, il made in Italy e la Bottega Rinascimentale dimostrano inaspettati punti di contatto e di vitalità e un potenziale straordinario in termini di nuove metodologie di lavoro. Il Rinascimento ha costruito la sua straordinaria unicità sulla capacità di giocare la propria intelligenza condivisa su diversi livelli e con protagonisti eccellenti (i maestri del Rinascimento) impegnati nell’atto della creazione.

La Rete e le nuove comunità di progetto possono assumere oggi un ruolo simile a quello della bottega rinascimentale, creando le condizioni di confronto e di condivisione che in passato esistevano nell’esperienza delle botteghe artigianali o d’arte: per questo ad esempio si parla oggi – in considerazione del grande contributo di Internet a questo tipo di progetti – di Rinascimento 2.0. La previsione è che questo possa avvenire in tempi accelerati.

Written by Daniel Casarin

marzo 12, 2009 at 4:21 pm

Pubblicato su Strategie

Tagged with ,

Social Business Networking: reti, non scatole!

with one comment

di Gino Tocchetti The Knowledge Ecosystem

Da qualche giorno, alcuni pensieri che mi ritornano in testa da tanto tempo, stanno diventando chiarissimi, anche alla luce dei successi testimoniati nella mia regione dalla recente iniziativa di Nordest Creativo (Treviso, 19/2/09), e dalle difficolta’ di altre iniziative, progressive correzioni in corso a parte.

Innanzi tutto, sembra proprio che la “galassia Social Business Network” sia piu’ articolata di quanto a prima vista non si pensi. I s/b network non sono tutti uguali e non tutti i networker hanno lo stesso spirito. Fin qua, nessuna sorpresa, se consideriamo che rispecchiano la varieta’ e complessita’ del “genere umano”.

C’e’ un punto, pero’, su cui mi sembra importante porre l’attenzione: la differenza tra il “modello a scatola” e il “modello a rete“. Non voglio dire che solo il secondo e’ “giusto”, perche’ mi sembrerebbe scivolare su una posizione troppo manichea, ma sono assolutamente convinto che la vera novita’ e il vero valore sta nel modello a rete.

Nel “modello a scatola“, i social network sono contenitori, e le persone riempitivi. In questo caso i s/b network sono ridotti a meri strumenti di aggregazione per accumulazione di utenti, e questo corrisponde inevitabilmente ad una visione dei networker come di una massa illusoriamente emancipata.

Siamo ancora nel one-to-many. Infatti si dice che sono la versione moderna dei sindacati e dei movimenti. In questo caso si dice TUTTI, ma e’ come dire NESSUNO. Si dice “2.0”, ma solo perche’ al gregge di oggi piace sentirselo dire (e comunque non sa cosa vuol dire).

Sono diversi i fattori che spingono verso questo modello. Innanzitutto perche’ e’ quello a cui siamo abituati, e’ quello “storico”. Da sempre le persone si sono riunite in partiti, associazioni, sindacati, movimenti… In questi casi, la ricetta comprende sempre: un’ idea, un po’ di ritualita’ per sostenere l’identita’ di gruppo (feste con format predefinito, tesseramento, propaganda, …), e nei casi piu’ fortunati, un buon leader carismatico. Importante sottolineare che l’identita’ fa parte del pacchetto offerto ai soci. E spesso questa identita’ e’ basata sulla “separazione“: o con noi o contro di noi.

Difficile dire se questo modello debba essere abbandonato: certamente e’ evidente che e’ ancora molto praticato. C’e’ nelle persone ancora troppa pigrizia e scarsa coscienza, ancora troppo costume da “massa“; e da parte di qualcuno c’e’ ancora troppa voglia di “potere“, di essere il “proprietario” della scatola, o il principale influenzatore, o almeno di mostrarsi tale.

Apparentemente, la “legge dei grandi numeri“, e il principio che in democrazia vince la maggioranza, giocano a favore del “modello a scatola”. Infatti, viene facile pensare che un gruppo di 100.000 persone conti piu’ di uno di 100. Ma e’ davvero cosi’ ? Guardiamoci intorno, per favore.

C’e’ anche una confusione di fondo, da alcuni palesemente dimostrata, sullo scopo e sul valore dei s/b network globali che la Rete ci mette a disposizione. LinkedIN, Facebook, e tanti altri, sono nati per permettere ai membri di fare rete tra loro, ma sono stati interpretati da alcuni come “scatole piene di biglie colorate”, da prendere a man bassa per la “propria” collezione. Prova ne sono le continue contestazioni su quel limite di LinkedIN sulla visibilita’ di piu’ di 500 link.

In opposizione al precedente, c’e’ il “modello a rete“: quello emergente, appassionante, e dal potenziale dirompente. Quello che riproduce nella societa’ l’idea formidabile di Internet. Quello che fa parlare di web2.0, come di una conquista dell’umanita’, e non di una vuota convenzione di markettari. Infatti, se e’ vero che Tim Berners Lee (un vero genio, ma non un dio) ha creato proprio 20 anni fa, un potentissimo protocollo di interfaccia per l’information management, certamente la rivoluzione che ne sta conseguendo nella societa’ a 360 gradi, e’ questione di tutt’altra portata.

Nel modello a rete, banalmente non ci sono tesserati ma PERSONE. Ogni persona e’ un “nodo attivo“, con identita’ e sentimenti. E come tale “conta“: e’ in grado di rielaborare e rilanciare; di generare conoscenza; di creare. Nel modello a rete non solo non c’e’ “separazione“, ma c’e’ qualcosa di piu’ di “unione“: c’e’ “sinergia“.

Le persone, quindi, vengono prima di tutto. Poi queste parteciperanno e animeranno 10 100 1000 social networks, a seconda dei loro bisogni e piaceri. Le persone non sono quindi i contenuti di questo o quel s/b network-scatola, ma al contrario usano questo o quel s/b network come strumento della loro espressione di se’.

Se le persone vengono prima di ogni altra cosa, ne segue chiaramente che prima si creano rapporti di fiducia con gli altri conetworker, tali da scatenare una propensione impellente alla collaborazione, e poi arriva l’adesione a questo o quel s/b network, con un atteggiamento che sara’ conseguentemente aperto, trasparente, generoso, e, ultimo ma non meno importante, gioioso. Allora si, che la logica che si scatena e’ di tipo win-win, e che il vantaggio e’ garantito per tutti, cosiccome per il network stesso. In questo caso si puo’ parlare di approccio “ecosistemico“.

Se poi si tratta di professionisti, allora scatta anche la disponibilita’ a referenziarsi mutuamente, e comunque a mettere la propria reputazione sullo stesso tavolo. A quel punto qualsiasi social network diventa anche un business network, in cui le relazioni sociali diventano occasione per dare vita ad affari.

Comprendere questo non e’ poca cosa, e non bisogna illudersi, in tempi in cui la parola “s/b networking” e’ sulla bocca di tutti, che tutti ne abbiano la stessa profonda coscienza. Ne’ puo’ bastare per i piu’ volenterosi, ma solo perche’ vedono la possibilita’ di cavalcare l’onda del momento, vedere fallire piu’ volte un approccio ambiguo, fondamentalmente viziato da motivazioni personalistiche e da atteggiamenti irrispettosi delle persone. E’ un po’ come il moscone che sbatte piu’ volte sulla meta’ della finestra che e’ chiusa: il numero delle botte sul vetro non lo aiuta a capire che l’altra meta’ della finestra potrebbe essere aperta. Un gap culturale, per essere colmato da chiunque, richiede tempo, divulgazione e sperimentazione, e dimostrazione sul campo dei passi avanti, conquistati giorno dopo giorno.

E a proposito dei “numeri” ? Sembra che la dimensione e’ destinata a rimanere piu’ contenuta nel modello a rete. Costruire una vera rete di relazioni fra 10, 100 persone e’ obiettivamente difficile (anche se enormemente piu’ facile oggi rispetto ad un tempo, grazie a internet) e richiede tempo. Ma vale molto di piu’ una rete forte tra 10 persone che un “mucchio” di 100, 1000 iscritti.

Appare evidente, a questo punto, che tra “scatole” e “reti” passa una bella differenza, anche se oggi ci si puo’ trovare esempi dell’uno e dell’altro caso, tutti sotto il nome di s/b networking. Le dinamiche sono enormemente diverse, il potenziale enormemente maggiore.

Chiudo con una considerazione tecnica. Come dicevo prima, LinkedIN e Facebook, ma anche un ning “fatto in casa”, sono solo strumenti abilitanti. Nel caso dei due colossi, si potrebbe facilmente confonderli come “scatole” dato l’enorme numero di iscritti, ma ho gia’ detto che significherebbe perdersi moltissimo usandoli in questo modo. D’altra parte, costruirsi un ning per realizzare un piccolo facebook locale e personale, sarebbe una piccola follia, per come la vedo io.

Invece la vera sfida e’ costruire la “propria rete” all’interno della grande rete, come LinkedIN/Facebook (o simili…). Del resto proprio con questo scopo sia Reid Hoffman che Mark Zuckerberg, hanno dato vita alle loro piattaforme. Allora, ecco che una buona applicazione di ning, magari combinando l’utilizzo di diversi social media e altre azioni sul territorio, puo’ servire benissimo allo scopo.

Written by Daniel Casarin

marzo 6, 2009 at 8:54 pm

Pubblicato su Trend

Tagged with