greenconcept | LAB

Laboratiorio di Ispirazione, Riflessione e Nuove Tendenze

Social Business Networking: reti, non scatole!

with one comment


di Gino Tocchetti The Knowledge Ecosystem

Da qualche giorno, alcuni pensieri che mi ritornano in testa da tanto tempo, stanno diventando chiarissimi, anche alla luce dei successi testimoniati nella mia regione dalla recente iniziativa di Nordest Creativo (Treviso, 19/2/09), e dalle difficolta’ di altre iniziative, progressive correzioni in corso a parte.

Innanzi tutto, sembra proprio che la “galassia Social Business Network” sia piu’ articolata di quanto a prima vista non si pensi. I s/b network non sono tutti uguali e non tutti i networker hanno lo stesso spirito. Fin qua, nessuna sorpresa, se consideriamo che rispecchiano la varieta’ e complessita’ del “genere umano”.

C’e’ un punto, pero’, su cui mi sembra importante porre l’attenzione: la differenza tra il “modello a scatola” e il “modello a rete“. Non voglio dire che solo il secondo e’ “giusto”, perche’ mi sembrerebbe scivolare su una posizione troppo manichea, ma sono assolutamente convinto che la vera novita’ e il vero valore sta nel modello a rete.

Nel “modello a scatola“, i social network sono contenitori, e le persone riempitivi. In questo caso i s/b network sono ridotti a meri strumenti di aggregazione per accumulazione di utenti, e questo corrisponde inevitabilmente ad una visione dei networker come di una massa illusoriamente emancipata.

Siamo ancora nel one-to-many. Infatti si dice che sono la versione moderna dei sindacati e dei movimenti. In questo caso si dice TUTTI, ma e’ come dire NESSUNO. Si dice “2.0”, ma solo perche’ al gregge di oggi piace sentirselo dire (e comunque non sa cosa vuol dire).

Sono diversi i fattori che spingono verso questo modello. Innanzitutto perche’ e’ quello a cui siamo abituati, e’ quello “storico”. Da sempre le persone si sono riunite in partiti, associazioni, sindacati, movimenti… In questi casi, la ricetta comprende sempre: un’ idea, un po’ di ritualita’ per sostenere l’identita’ di gruppo (feste con format predefinito, tesseramento, propaganda, …), e nei casi piu’ fortunati, un buon leader carismatico. Importante sottolineare che l’identita’ fa parte del pacchetto offerto ai soci. E spesso questa identita’ e’ basata sulla “separazione“: o con noi o contro di noi.

Difficile dire se questo modello debba essere abbandonato: certamente e’ evidente che e’ ancora molto praticato. C’e’ nelle persone ancora troppa pigrizia e scarsa coscienza, ancora troppo costume da “massa“; e da parte di qualcuno c’e’ ancora troppa voglia di “potere“, di essere il “proprietario” della scatola, o il principale influenzatore, o almeno di mostrarsi tale.

Apparentemente, la “legge dei grandi numeri“, e il principio che in democrazia vince la maggioranza, giocano a favore del “modello a scatola”. Infatti, viene facile pensare che un gruppo di 100.000 persone conti piu’ di uno di 100. Ma e’ davvero cosi’ ? Guardiamoci intorno, per favore.

C’e’ anche una confusione di fondo, da alcuni palesemente dimostrata, sullo scopo e sul valore dei s/b network globali che la Rete ci mette a disposizione. LinkedIN, Facebook, e tanti altri, sono nati per permettere ai membri di fare rete tra loro, ma sono stati interpretati da alcuni come “scatole piene di biglie colorate”, da prendere a man bassa per la “propria” collezione. Prova ne sono le continue contestazioni su quel limite di LinkedIN sulla visibilita’ di piu’ di 500 link.

In opposizione al precedente, c’e’ il “modello a rete“: quello emergente, appassionante, e dal potenziale dirompente. Quello che riproduce nella societa’ l’idea formidabile di Internet. Quello che fa parlare di web2.0, come di una conquista dell’umanita’, e non di una vuota convenzione di markettari. Infatti, se e’ vero che Tim Berners Lee (un vero genio, ma non un dio) ha creato proprio 20 anni fa, un potentissimo protocollo di interfaccia per l’information management, certamente la rivoluzione che ne sta conseguendo nella societa’ a 360 gradi, e’ questione di tutt’altra portata.

Nel modello a rete, banalmente non ci sono tesserati ma PERSONE. Ogni persona e’ un “nodo attivo“, con identita’ e sentimenti. E come tale “conta“: e’ in grado di rielaborare e rilanciare; di generare conoscenza; di creare. Nel modello a rete non solo non c’e’ “separazione“, ma c’e’ qualcosa di piu’ di “unione“: c’e’ “sinergia“.

Le persone, quindi, vengono prima di tutto. Poi queste parteciperanno e animeranno 10 100 1000 social networks, a seconda dei loro bisogni e piaceri. Le persone non sono quindi i contenuti di questo o quel s/b network-scatola, ma al contrario usano questo o quel s/b network come strumento della loro espressione di se’.

Se le persone vengono prima di ogni altra cosa, ne segue chiaramente che prima si creano rapporti di fiducia con gli altri conetworker, tali da scatenare una propensione impellente alla collaborazione, e poi arriva l’adesione a questo o quel s/b network, con un atteggiamento che sara’ conseguentemente aperto, trasparente, generoso, e, ultimo ma non meno importante, gioioso. Allora si, che la logica che si scatena e’ di tipo win-win, e che il vantaggio e’ garantito per tutti, cosiccome per il network stesso. In questo caso si puo’ parlare di approccio “ecosistemico“.

Se poi si tratta di professionisti, allora scatta anche la disponibilita’ a referenziarsi mutuamente, e comunque a mettere la propria reputazione sullo stesso tavolo. A quel punto qualsiasi social network diventa anche un business network, in cui le relazioni sociali diventano occasione per dare vita ad affari.

Comprendere questo non e’ poca cosa, e non bisogna illudersi, in tempi in cui la parola “s/b networking” e’ sulla bocca di tutti, che tutti ne abbiano la stessa profonda coscienza. Ne’ puo’ bastare per i piu’ volenterosi, ma solo perche’ vedono la possibilita’ di cavalcare l’onda del momento, vedere fallire piu’ volte un approccio ambiguo, fondamentalmente viziato da motivazioni personalistiche e da atteggiamenti irrispettosi delle persone. E’ un po’ come il moscone che sbatte piu’ volte sulla meta’ della finestra che e’ chiusa: il numero delle botte sul vetro non lo aiuta a capire che l’altra meta’ della finestra potrebbe essere aperta. Un gap culturale, per essere colmato da chiunque, richiede tempo, divulgazione e sperimentazione, e dimostrazione sul campo dei passi avanti, conquistati giorno dopo giorno.

E a proposito dei “numeri” ? Sembra che la dimensione e’ destinata a rimanere piu’ contenuta nel modello a rete. Costruire una vera rete di relazioni fra 10, 100 persone e’ obiettivamente difficile (anche se enormemente piu’ facile oggi rispetto ad un tempo, grazie a internet) e richiede tempo. Ma vale molto di piu’ una rete forte tra 10 persone che un “mucchio” di 100, 1000 iscritti.

Appare evidente, a questo punto, che tra “scatole” e “reti” passa una bella differenza, anche se oggi ci si puo’ trovare esempi dell’uno e dell’altro caso, tutti sotto il nome di s/b networking. Le dinamiche sono enormemente diverse, il potenziale enormemente maggiore.

Chiudo con una considerazione tecnica. Come dicevo prima, LinkedIN e Facebook, ma anche un ning “fatto in casa”, sono solo strumenti abilitanti. Nel caso dei due colossi, si potrebbe facilmente confonderli come “scatole” dato l’enorme numero di iscritti, ma ho gia’ detto che significherebbe perdersi moltissimo usandoli in questo modo. D’altra parte, costruirsi un ning per realizzare un piccolo facebook locale e personale, sarebbe una piccola follia, per come la vedo io.

Invece la vera sfida e’ costruire la “propria rete” all’interno della grande rete, come LinkedIN/Facebook (o simili…). Del resto proprio con questo scopo sia Reid Hoffman che Mark Zuckerberg, hanno dato vita alle loro piattaforme. Allora, ecco che una buona applicazione di ning, magari combinando l’utilizzo di diversi social media e altre azioni sul territorio, puo’ servire benissimo allo scopo.

Written by Daniel Casarin

marzo 6, 2009 a 8:54 pm

Pubblicato su Trend

Tagged with

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Grazie per la citazione!
    segnalo che su Facebook si e’ sviluppato un’interessante coda di commenti:
    http://www.facebook.com/note.php?note_id=59072496673&id=518092924&index=0

    ginotocchetti

    marzo 7, 2009 at 9:49 am


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: