greenconcept | LAB

Laboratiorio di Ispirazione, Riflessione e Nuove Tendenze

Social Media Sharing Trends 2009 – Cosa Condividiamo sui Social Network

leave a comment »

via SocialTwist e Social Media Explorer

We’re starting to see an interesting by-product of cool social media tools emerge: Research pulled from user data. One such effort, a new study released by SocialTwist, makers of the content share widget Tell-A-Friend, reveals some interesting facts about how people share information online. You can see the report in its entirety on the SocialTwist website.

First, let’s set the expectations appropriately. The data behind the study is collected from anonymized user data for people who click on the Tell-A-Friend widget where it is used on blog posts, newspaper websites and more. That widget represented just below this paragraph, is similar in functionality to ShareThis, AddThis and others. While the design, functionality and placement of the widgets do skew the data in various ways, the widget has served almost two million billion (yeah … with a “b”) impressions to date, so there’s a lot of data there. The parts of the report that caught my eye included the following:

  • People still share via email and instant messenger more than via social networks. An astounding 59% of all shares on the widget were done via email, 25% via instant messenger and just 14% were passed along on networks like Facebook and Twitter.
  • Twitter, which has recently emerged as the share site du jour for those in the social media world, accounts for only one percent of all shares. Facebook is 11%. Yahoo mail is the highest individual share channel at 26%.
  • Yahoo (44%) and MSN (25%) mail are way ahead of Gmail (19%) as the email provider used by Tell-A-Friend users.
  • Facebook accounts for 79% of all shares via social networks. MySpace is second at 15%. Twitter is just 5% of all social network shares via the widget.

SocialTwist is the creator of the popular social media sharing widget Tell-a-Friend. SocialTwist takes the sharing experience to a whole new level and turns a simple sharing button into a powerful referral marketing tool. SocialTwist helps marketers position their products and services correctly in all visitor communication (shares). Ever since its launch in September 2008, Tell-a-Friend has emerged as a popular referral marketing and social media sharing tool for big brands like Intel, Bertelsmann Media, P&G etc. Today, SocialTwist enjoys a user base of 50,000+ websites and blogs using Tell-a-Friend.

SocialTwist’s Social Media Sharing Trends 2009 Report is based on the social media sharing behavioral analysis of recent 10 million referral messages sent using the Tell-a-Friend widget. The report provides details of the most preferred medium of social media sharing, the popular and emerging channels, and the social media trends to look out for in 2010.

Major Findings

  • The top channels of sharing include, email, instant messenger, social networking sites
  • Despite the social media revolution – traditional forms of networking like email and instant messaging continue to be the most popular mediums of sharing content across the Internet. Nearly 60 percent of overall sharing happens over emails.
  • Since it opened itself to all age groups in September 2006, Facebook has displaced MySpace as the most popular social networking site especially when it comes to sharing content online.
  • It is clear that Twitter is perceived to be a news broadcast platform and not a “sharing” platform. It enjoys only 5% of “shared information” traffic among popular social platforms.
  • Bookmarks are rapidly losing their significance in the social media space. Only 2% of shares happen over Bookmarking sites.
  • When it comes to email services, Yahoo Mail is still the most preferred, followed by MSN. Gmail is way behind.
  • Google’s services like Google Bookmarking, Google Talk, Gmail, and Blogger have failed to replicate the brand’s search engine success online, especially when it comes to ‘shared information.’
  • LinkedIn, as a networking site, ranks the lowest when it comes to social media sharing.


Email is the most popular channel for sharing information

Most Used Social Media Channels

Analysis shows that the most popular channel for sharing content is email. Nearly 60 per cent use email to share content. However, fewer people like to manually type in email addresses. Just about 10 per cent of email shares had people typing email addresses.

Instant Messaging with 25% of total sharing was the next preferred medium followed by Social Networks with 14 percent.


Top 10 channels represent 97% of the total share.Twitter shares have risen 23X in the past one year

Most Popular Email channels for sharing

Of all the email services used, Yahoo Mail with 44 percent is the most used for sharing followed by MSN Mail with 25 percent. Gmail enjoys only third place with 19 percent.


Yahoo mail is the most popular service followed by MSN email

Most Popular IM channels for sharing

Yahoo Messenger is the most popular IM service among all others when it comes to sharing – it enjoys 49 percent of the total number of shares. MSN Messenger follows with 34 percent of shares. Here too Google comes at the third position with 15 percent of shares.


IM is the second most shared channelYahoo and MSN lead the pack

Most Popular Social Networking channels for sharing

When it comes to social networking sites Facebook is the clear winner with a whopping 79 percent people using it to share with their family, friends and acquaintances. MySpace follows with 15 percent of shares. Twitter enjoys a meager 5 percent of shares.


Facebook is the most popular amongst all social media channels

Most Popular Social bookmarking sites for sharing

Bookmarking sites seem to be losing out as a preferred channel for sharing when compared with other social media channels. In this space, Digg stands out as the most popular bookmarking site followed by Google Bookmarks and Delicious with 11 percent and 12 percent respectively.


2% of the total shares happen over bookmarks with Digg as the clear leader

Most Popular Blog channels for sharing

When it comes to blogging services, WordPress with 45 percent and Blogger with 42 percent are the most popular platforms for social media content sharing. The surprise element in this space is Typepad, which is never used.


Wordpress and Blogger are the most popular blog channels

Written by Daniel Casarin

novembre 25, 2009 at 2:38 pm

Pubblicato su Trend

Tagged with , ,

Il Nuovo Potere dei Consumatori

leave a comment »

via Vincos.it

Anche quest’anno si è svolto a Roma l’evento organizzato da me e dai miei colleghi di Digital PR dal titolo “Il nuovo potere dei consumatori sul web 2009“. Un momento di riflessione sul rapporto tra aziende e social media, che pare sia stato apprezzato dai partecipanti in particolare per l’equilibrio tra teoria e casi concreti.

Tra le presentazioni più di scenario mi ha colpito quella di Davide Bennato (Università di Catania) che, partendo dalla constatazione che le istituzioni sociali sono in crisi, ha sottolineato come proprio la tecnologia (attraverso strumenti paradigmatici come iPhone e Twitter) possa aiutarci a ridare nuovo senso a spazio, tempo, valori, che sono alla base delle istituzioni sociali.

 

Variegate e inedite le testimonianze aziendali:

Pepe Moder (Barilla) ha espresso chiaramente come la visione dell’ecosistema digitale che ha l’azienda (con il sito web corporate al centro e i social media in posizione periferica) è diametralmente opposta a quella degli abitanti della rete (che al centro dei propri interessi metteno Facebook, blog, forum, YouTube, …). Emblematica della diffidenza delle aziende verso i social media è il racconto del timore iniziale del management di Barilla di scrivere autonomamente la voce di Wikipedia relativa (cosa possibile come spiegato chiaramente da Frieda Brioschi) “perchè scriverla noi? Magari ci criticano, lasciamolo fare ad altri”;
L’obiettivo di un brand oggi dovrebbe essere, secondo Pepe, di creare un mondo di significati, un “vocabolario comune”, fatto di tasselli che i consumatori possono utilizzare autonomamente per “parlare dell’azienda”.

Continua su Vincos.it

Written by Daniel Casarin

novembre 25, 2009 at 1:49 pm

Pubblicato su Strategie

Tagged with ,

Future of Search: More than Social

leave a comment »

via Baekdal.com

As you probably know, both Google and Microsoft have entered into a partnership with Twitter and is now incorporating social search into their regular search engines. This is a big deal because social is a very important element of the future of search… it’s not the only part though.

When it comes to searching, a search engine is supposed to do one thing very well. Find stuff, from highly relevant and trustworthy sources, in relation to you as a person. Let me give you an example: Let’s pretend that you live in Australia, and that you are looking to buy a new car. You might not know this, but the entire country of Australia is pretty much divided into three types of car owners. People who drive a Holden, people who drives a Ford, and other people who drive something else (yes I’m making a blatant generalization).

But, here is the thing, the reason people drive a Ford over a Holden (or vise versa), isn’t because the car is better. It is the result of the community that they are part of. Their friends drive a Ford, their Parents drive a Ford, and the annoying neighbor drives a Holden… so you also drive a Ford. It is the same with other types of products. If most of your friends use a Dell, then you are also very likely use one yourself. If your friends use Heinz Ketchup, then you will probably use the same brand. As human beings we are heavily influenced by what other people use, and depending on who those people are, the more likely we will be influenced by them.

So how does this relate to search? Well, so far, Google and Microsoft have based their searches on things, instead of people. If you searched for recipes for tomato soup, they would find the ones that were most popular by other sites, or their relation to the specific search query. And we get a pretty good result, but from generalized perspective. Twitter on the other hand is really good at people, or to be more precise, it could be good at it (it isn’t really yet). But, Twitter covers what people close to you, in terms of influence, are talking about, and if you can combine that with Google’s general results then you have something really spectacular.

If you combine this targeted+personal+influenced+people+content+ranked search result (need a shorter word for that), then we would suddenly get some real answers. If you search for tomato soup, it will not just find the biggest sites, it will look at your social stream to see whether there are anyone there who are really good, and who has an opinion that matters to you. If you are following a person who is into food, then her opinion is ranked higher than just any regular website.

But more important, it will not just look at the stream, but actually analyze it over time, It will extract what it is really about. It will compare that to many other algorithms, and finally match the content with you as a person. If you search for Ikea, not only would pages more relevant to you be ranked higher, but also, you would be able to see what people feel about the brand, the specific product, all ranked on how close that source is to you as a person. And, it is not just search that could use this. Google could create a people-rank API, so other sites like Tweetmeme could rank their content not only based how frequently it is retweeted, but also how it relates to you, and to other people.

So far Google has been really good at things, places, sites or pages, but it lacks relevance because it doesn’t know people. Twitter have the people element (although Twitter search doesn’t extract any meaning from it), same with Facebook, comments on blogs, reviews on product sites (from real people), rankings, and general activity. Combine all that and you got the future of search. It is not social, not traditional – but both + it’s targeted to you. And it can be used for more than simply searching.

Written by Daniel Casarin

novembre 25, 2009 at 1:29 pm

Pubblicato su Trend

Tagged with ,

Musei Italiani 2.0 e Sviluppo Globale della Conoscenza

with one comment

via The Primate Community

Anche in Italia, seppure lentamente, i musei sperimentano nuove modalità di comunicazione per stimolare la curiosità dei visitatori grazie agli strumenti web 2.0 messi a disposizione dai social network.

Alcuni esempi internazionali ci permettono di capire quali siano le tendenze e prossime evoluzioni: il Brooklyn Museum ha abbandonato le oramai obsolete audioguide per preferire gli smartphone e approntare così percorsi non più preordinati ma scelti direttamente dal visitatore, integrando nei cellulari apposite applicazioni che forniscono informazioni e dettagli sulle opere in realtime. II Museo del Prado presenta su Google Earth alcuni capolavori delle sue collezioni: è possibile vedere le stanze del museo in 3D all’interno delle quali si trovano riproduzioni ad altissima definizione delle opere. Il MoMA lancia un’applicazione su Facebook per incrociare le date del viaggio a New York con il calendario del museo e costruire un percorso personalizzato da pianificare con il viaggio. Importanti istituzioni come lo Smithsonian Institut o il Getty Research Institute, aderiscono al progetto The Commons su Flickr per incrementare l’accesso alle raccolte fotografiche pubbliche e offrire un modo al pubblico per contribuire con informazioni e conoscenza.

Sembra un controsenso e uno sconvolgimento per i musei aver trovato una propria dimensione, o aver iniziato a fare i primi passi all’interno del panorama del web2.0, dello user generated content e della partecipazione e condivisione delle risorse ed esperienze, ma al contrario trattasi della naturale evoluzione dell’idea e della definizione stessa di museo. Esso è definito come “un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto” [ICOM, International Council of Museums, 2004].

Il museo ha un importante ruolo nella società poiché conserva e rappresenta la nostra memoria, collettiva e individuale, la rende visibile e condivisibile con la collettività. Chi meglio di un museo potrebbe trarre beneficio da questi nuovi modelli di comunicazione per valorizzare le testimonianze contemporanee della società?

Il museologo canadese Duncan F. Cameron in un suo saggio riflette sull’utilità del museo-tempio, semplice contenitore di collezioni, introducendo quello di museo-forum incentrato sul dibattito, il confronto, la sperimentazione, sull’incontro e il dibattimento pubblico, concetti che si legano perfettamente con la realtà web2.0. Per Cameron “il museo è stato il luogo in cui si poteva andare per mettere a confronto la propria percezione individuale della realtà con la visione cosiddetta oggettiva della realtà socialmente accettata e convalidata… Il museo ha una funzione più simile a quella della chiesa che non a quella della scuola. Il museo offre l’opportunità di riaffermare una fede; offre l’occasione di vivere esperienze intime e private, per quanto condivise con molti altri”1.

Questa rivoluzione incide ancora scarsamente nello scenario italiano: le potenzialità e l’utilizzo di questi nuovi strumenti permettono il sovvertimento del pensiero e del modo d’agire, in un settore spesso considerato troppo legato alle convenzioni, alle regole gerarchiche, all’elite e al solo proposito educativo. Il museo deve saper comunicare con le diverse tipologie di pubblico aggiornando gli strumenti a disposizione anche se è proprio a su questi strumenti di comunicazione tradizionali che questo ambiente sembra essere troppo legato e affeziona. Come i musei stanno affrontando questa sfida evolutiva? Sebbene a livello internazionale le soluzioni adottate hanno dato un reale contributo alla crescita della società, l’Italia come riesce a rispondere a queste nuove esigenze e come si pone nel confronto con l’utente, specie quello web?

Facebook, il più noto social network del momento, ospita un gruppo che raccoglie e documenta la presenza dei musei ondine: è una lista in continua espansione grazie alla quale è possibile cercare e creare relazioni con il museo preferito o con cui si intende mantenere una sorta di contatto diretto per evolvere da semplici osservatori passivi di ciò che il museo convalida come oggettivo ad un ruolo attivo, con l’apporto di una propria visione personale. .

Nel mondo di Twitter ci sono 719.380 persone che seguono i “cinguettii” di 623 musei e gallerie nel mondo: primo in classifica su Twitter il MoMA di New York, che continua ad avere il maggior numero di followers 43.578 e a seguire il Brookling Museum con 25.339, la Tate di Londra con 22.500 e il Getty Museum  con più di 16.000.  Bisogna attendere il 237° posto in classifica per scorgere il primo museo tra quelli italiani con maggior numero di followers, il MART di Rovereto e Trento [fonte: www.museummarketing.co.uk, Museums on Twitter, Oct 09].

Nel panorama italiano si può senza dubbio affermare che è il mondo dell’arte moderna e contemporanea quello più portato ad utilizzare nuovi strumenti  web 2.0 e modelli di partecipazione e condivisione delle risorse e dei contenuti. Il fenomeno resta meno vistoso, forse perché le istituzioni sono più impegnate a confrontarsi con i tagli di bilancio cercando di trovare soluzioni per sopravvivere piuttosto che intraprendere nuove azioni di partecipazione e diffusione della conoscenza, ma vi sono anche apprezzabili eccezioni.

Il MAO – Museo di Arte Orientale di Torino per la sua apertura si è affidato ad una campagna interamente pensata con gli strumenti 2.0 tramite Facebook, YouTube, Mogulus e Flickr.

Il Sistema Musei Civici di Roma ha iniziato una campagna per azioni di cultura 2.0 con un blog su WordPress per i commenti, un canale su YouTube per i video e su Flickr per le immagini, aggiornamenti su Twitter, mostre visitabili su SecondLife, il tutto per una crossmedialità delle azioni di promozione e diffusione del patrimonio culturale, per la condivisione delle informazioni e delle risorse con gli utenti e ricondurre tutto al sistema museale. Alcuni dati: i video sono stati visti da circa 7.000 utenti e le foto da circa 5000, le opere e le installazioni su SecondLife sono state visitate da circa 3.700 utenti da tutto il mondo e il blog ha avuto 47.000 visitatori unici, per una media di 5.000/6.000 visitatori al mese [fonte: Zètema]. Ha inoltre realizzato il progetto della Roma antica su Google Earth con una ricostruzione tridimensionale e geospaziale di 6.700 edifici dell’antica Roma ricostruiti in 3D in un itinerario virtuale della storia.

La Peggy Guggenheim Collection esce dallo scrigno di Palazzo Venier dei Leoni presentandosi su Facebook e Twitter per promuovere gli eventi in corso, appuntamenti, mostre e gli archivi fotografici dell’estroversa americana che a Venezia riuscì a realizzare il suo sogno di casa-museo d’arte del suo secolo. Sempre a Venezia, anche se trattasi di uno spazio espositivo per mostre temporanee, Palazzo Grassi insieme alla Punta della Dogana con la collezione permanente del francese François Pinault, dedica un’intera sezione online alle communities su Twitter, Facebook e YouTube.

Dal 2006 il MART, Museo d’Arte di Rovereto e Trento, ha iniziato un piano di comunicazione crossmediale e trasversale che coinvolge anche i nuovi media, un processo lungimirante e progressivo che oggi lo proclama come il miglior museo d’arte moderna e contemporanea italiano.  Ha una completa divisione del portale dedicata agli utenti della loro community che ha intitolato mart2.0. Dialoga a colpi di tweets su Twitter e se lo scorso settembre il “cinguettio” del museo trentino si trovava al 580° posto tra i musei più popolari su Twitter, in ottobre raggiunge il 237° posto. Ha una pagina personale su Facebook per  aggiornare e restare in contatto con i visitatori del museo, per informare e aggiornare su eventi e mostre e per raccogliere i commenti e i suggerimenti. Su YouTube invece ha creato un canale dedicato con video, video interviste, documentazioni sul lavoro dietro le quinte delle mostre e altro sugli eventi e allestimenti. Un canale dedicato anche su Flickr per condividere e commentare immagini di allestimenti, opening, eventi, scatti di professionisti e non in visita al museo, dove è possibile taggare propri contributi con il tag mart_museum e condividere con il museo gli scatti realizzati durante le visite. Infine la webTV è presente in live stream su Mogulus.

Il problema iniziale di molte istituzioni sull’autorevolezza e presenza nel web finalmente sta diventando gradualmente un indicatore di prestigio istituzionale proprio per le azioni coordinare e rigorose avanzate dalle migliori istituzioni museali internazionali. Esistono giochi di ruoli e immagine a cui il museo deve, o si trova a sottostare ma che possono essere rivisti e integrati con nuovi modelli di espressione e comunicazione, e in questo la rivoluzione apportata dal web 2.0 riesce a far emergere le potenzialità. Perché non essere presenti nel web partecipato non vuol dire mancare un’opportunità ma soprattutto significa non poter controllare la propria reputazione.

Un contributo, quello del web 2.0, che arricchisce, documenta e valorizza il dovere “istituzionale” del museo inserendo l’apporto della società contemporanea alle testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente. È la nuova frontiera che proietta nel futuro il sistema museale in cui il rinnovamento passa attraverso l’ascolto di nuove idee, nuovi progetti e stimoli. Il cambiamento è in atto: partecipazione, confronto, dibattito e produzione. Per uno sviluppo globale della conoscenza e della memoria.

La popolazione parla e discute, il museo è l’orecchio in ascolto

[Kinard, J., 2005]

Written by Daniel Casarin

novembre 20, 2009 at 11:38 am

Scenario: Rapporto 2009 sui Social Media in Italia – “Dove vanno gli italiani in rete – Abitudini e nuovi fenomeni”

leave a comment »

via Vincos + Digital PR

Digital PR ha pubblicato la Sesta Edizione del Rapporto Annuale sulle comunità Web. Il Rapporto ha l’ambizione di colmare un vuoto di analisi e di studio relativo alle comunità web italiane. Digital PR ha deciso di modificare l’impostazione che ha caratterizzato le passate pubblicazioni nelle quali venivano raccolti, analizzati e classificati gli argomenti più discussi all’interno dei consumer generated media (forum, newsgroup e blog, in questa edizione definiti social media), allo scopo di provare ad offrire una panoramica dettagliata delle tendenze che hanno caratterizzato la rete nel corso dell’ultimo anno (e che continueranno ad evolversi nei prossimi mesi).

Il Rapporto ospita un’ampia e dettagliata sezione dedicata alla descrizione del fenomeno dei social network e dei servizi di micropublishing. Facebook, il social network attualmente più diffuso nel nostro paese, è stato protagonista di un forte aumento di utenti (10 milioni nel giugno 2009 quasi un utente internet italiano su due) e ha rubato la scena a MySpace (2.7 milioni di utenti in Italia), mentre Netlog (oltre 3 milioni di utenti registrati nel nostro paese) ha riscosso molto successo presso i teenager. Twitter, il servizio di microblogging attualmente più diffuso, gode di una notevole popolarità nei paesi anglosassoni, soprattutto negli U.S.A., mentre in Italia le aziende stanno iniziando solo ora a utilizzare lo strumento.

Per quanto riguarda le tecnologie wiki, Wikipedia è sicuramente la più diffusa e la più conosciuta tanto da arrivare a superare l’Enciclopedia Britannica in termini di consultazioni, ed è diventata un punto di riferimento per gli utenti che sono alla ricerca di definizioni su qualsiasi argomento all’interno della rete (l’Italia è il sesto paese al mondo per numero di utenti con oltre mezzo milione di voci inserite).I blog hanno invece consolidato il loro ruolo all’interno dei social media, permettendo a Digital PR di effettuarne una sistematizzazione derivante da esempi concreti di utilizzo.

I forum continuano ad essere una parte fondamentale del Rapporto: Digital PR ne ha analizzato i flussi comunicativi dividendoli in categorie e ha registrato un aumento dei messaggi inseriti (a dimostrazione della crescente volontà degli utenti di comunicare tra loro e la tendenza a utilizzare questo strumento per trovare informazioni utili nei processi d’acquisto e nei casi di necessità di supporto tecnico). Il numero di messaggi complessivi archiviati nei forum supera i 260 milioni, in aumento rispetto allo scorso anno.

Qui sotto un estratto di un lavoro più ampio di social network analysis che prova a mappare una piccola parte della blogosfera italiana (magari se può interessare faccio un post specifico).

Scenario Social Media In Italia – Dove vanno gli italiani in rete
View more documents from Vincenzo Cosenza.

Written by Daniel Casarin

novembre 20, 2009 at 6:57 am

Pubblicato su Trend

Tagged with

Social Business: Overcoming The Obstacles

leave a comment »

via Harvard Business

While social media often commands favorable media attention, the less often told story is that successful initiatives are rare to come by and that there are still a number of organizational roadblocks that managers need to overcome in order to make progress.

Still, we are seeing signs of progress in the form of new efficiencies, more direct ways to connect with customers, and ways to make products and services better. From my experience working and talking with people in large, complex organizations, here are a small sample of obstacles to look for with suggestions on how you might overcome them:

  1. Culture shock

  2. Externally, social media is a vastly significant iteration of the Web which has empowered the public in ways we never imagined. It’s also highly disruptive. The same potential for disruption exists internally for organizations. Instead of everyday consumers becoming empowered, everyday employees now have this potential as well. And this could cause a culture shock to the system of an organization structured upon decades of tradition, hierarchy, middle management and incentives. An inconvenient truth remains that change is often perceived as a threat.

    How to overcome it

    Find the change agents within your organization who are passionate about making your company better and harness their passion for the benefit of your business. Comcast’s Frank Eliason was a customer service manager who began engaging (and, more importantly, helping) customers via his personal Twitter account. When the rest of the company was made aware of the initiative (and the ensuing positive attention), they decided to reward the effort as opposed to doing a u-turn. A great way to overcome culture shock within a large organization is for leadership to recognize and embrace the mavericks driven to change things for the better. The next challenge then becomes scale.

  3. The legal treadmill

  4. The changes sparked by technology are giving the lawyers a headache. Legal teams must be on full alert to changes in the social media landscape, such as the FTC’s recent decision to force bloggers to disclose when they’ve been given payment or products. The legal department of any organization exists to protect it. But sometimes doing business at the speed of real time makes it feel like you are on a treadmill when you need to be sprinting to the finish line.

    How to overcome it

    Legal needs to be engaged early on and by the right people. There also needs to be support from the top if it means doing something that pushes the boundaries. Michael Dell fully supported Dell’s pioneering social media efforts from the top down which no doubt influenced decisions made in the legal department. That said, not everything has to involve the CEO. When I recently approached The Art of Shaving (a P&G brand) to sponsor our Movember team, I advised them that the first thing they should do is talk to their legal department. The brand manager did just that and legal produced clear guidelines about how the social sponsorship would work. In order to get off the legal treadmill, you need a combination of leadership and collaboration.

  5. Riskphobia

  6. Making strides toward thriving as a more socially calibrated business means taking a risk or three. And in this economy, no one wants to do that. Unless your organization has a serious entrepreneurial streak running through it, it’s likely that the people who work in it are generally risk averse and rewarded for playing by the rules. However, riskphobia is a serious problem for large companies who are finding their businesses disrupted by smaller, more nimble players. Tower Records probably wishes they took some more calculated risks before the industry came crashing down around them.

    How to overcome it

    Risk can often be managed by piloting small initiatives to see what happens — while learning, gathering data, and iterating on them while they inform bigger and better initiatives. When our company launched our website, we included a real-time stream of our activities and content on our homepage. The stream even includes information about who we email (you don’t see names, but you do see the domains). Some view this as risky business, but we felt that the gesture would help us help others manage the risks of transparency and we can manage what gets shared. It’s a small gesture, but meaningful as we hope to help others manages their own risks.

Written by Daniel Casarin

novembre 18, 2009 at 11:44 am

Pubblicato su Strategie

Tagged with