greenconcept | LAB

Laboratiorio di Ispirazione, Riflessione e Nuove Tendenze

Posts Tagged ‘Blue Thinking

Small Business Trends for 2010

leave a comment »

via Jeff Korhan

The Trends in a Nutshell

  1. Human-Centric Businesses – Business used to be about companies.  Now its about people.
  2. Collaborative Markets – Markets are no longer about selling to buyers, but collaborating with them to develop better and more sustainable solutions.
  3. Sustainable Communities – Organizations of people are evolving from exclusivity to inclusiveness.  This creates more sustainable communities where members place their trust in each other.

The Evolution of this Perfect Storm

All of these trends are simultaneously converging to create a perfect storm of opportunity for businesses, especially small or entrepreneurial business that are characterized as having personal relationships with customers.

If you go back to the late ’50’s and early ’60’s, there was an emerging technology that changed the world of marketing.  That technology was television.  In the midst of an expanding post-World War II economy, middle class consumers embraced television.  Television had reach.  People had discretionary income.  And all of this created a new era of consumerism that helped make many brands household names.

Television was a marketing technology that made everything more expansive by bringing it to a larger stage, and that fit perfectly with the growing economy.  What followed was a love affair with the automobile, highly stylized fashions, and countless consumer products guaranteed to make your life a dream!  Those companies were at the right place at the right time to capitalize on the converging trends of the day. Needless to say, some of those industries and companies are faltering today.

Human-Centric Business is Local

If you are an entrepreneur, YOU are now at the right place at the right time.

The technology that is transforming the business environment in your favor is social media marketing. It is giving everyone a voice at a period when people have gone through some tough experiences.  They want to move forward, but it is still uncertain where this economy is going.  Until that happens, they are looking for people to trust.  This means they are going to be doing business in their local communities.

This is why every Fortune 500 corporation has a presence on social media. They know that business is going local.  They are seeing how social media is leveling the playing field to create equal opportunities for every company. In a nutshell, they want to be more like you.

Your challenge is to be who you are, a human-centric business that is willing to reach out even further than you already have.  Social media is a tool that is ideally suited for that, and most significantly, it’s influence is sustainable.

Annunci

Written by Daniel Casarin

gennaio 3, 2010 at 2:44 pm

Pubblicato su Strategie, Trend

Tagged with ,

Enterprise 2.0: How a Connected Workforce Innovates

leave a comment »

via Harvard Business Review

Enterprise 2.0 tools—wikis, tags, Twitter and other microblogs, Google-style searches, and the like—are transforming companies’ innovation processes, according to Andrew P. McAfee, a principal research scientist at the MIT Sloan School’s Center for Digital Business, in Cambridge, Massachusetts, and the author of the forthcoming book Enterprise 2.0: New Collaborative Tools for Your Organization’s Toughest Challenges (Harvard Business Press, 2009). McAfee explains why in a recent conversation with HBR senior editor Anand P. Raman.

How do the new social technologies transform innovation efforts?

Companies have traditionally been very specific about who’s going to do the innovating: their designers, engineers, scientists…Those people have the credentials—the right combination of education, experience, success, failure, and so on. More recently, companies have allowed major users of their products to participate in the product-development process.

Some companies now say: Why stop at lead users? Why not let everyone take a crack at helping us develop a new product, improve an existing one, or solve a vexing problem? They no longer specify who can participate in the innovation process; they welcome all comers. Enterprise 2.0 tools are designed to help with these more open innovation processes. In fact, most new types of innovation, such as open innovation and crowdsourcing, are based on these technologies.

Procter & Gamble, which has embraced the open-innovation philosophy, does some smart things on its Connect + Develop website. P&G doesn’t only publicize what it knows and what it can do; it also highlights what it needs. That’s radical; big companies don’t usually display their ignorance. In addition, the company doesn’t restrict itself to product development; it’s looking for new ideas in everything from trademarks, packaging, and marketing models to engineering, business services, and design. Finally, P&G invites everybody to submit ideas—not just prequalified partners. It recently bought the technology for an antimicrobial product from an unknown company that submitted a proposal through the website.

Does the use of Enterprise 2.0 technologies yield better ideas? Won’t a company simply drown in bad ideas?

Keep two things in mind. One, there’s no guarantee that your next innovation challenge is going to look anything like your last one. It might require a fresh perspective or skills that your existing innovators don’t possess. A company that uses Enterprise 2.0 technologies can publicize the challenge widely and collect responses from many people. Two, the community that forms around the challenge can help sift the ideas. People suggest improvements and vote on one another’s ideas, so the best ones eventually rise to the top.

Because of Enterprise 2.0 technologies, good content becomes apparent over time. A good idea isn’t always obvious. For example, Gwabs is a game that lets characters fight one another using the elements on a computer desktop, such as toolbars and icons. It came out of a crowdsourcing start-up, Cambrian House, which solicited ideas from a large community and let them vote. It then had the top vote getters face off in a tournament. The company’s executives thought Gwabs was a pretty dumb idea, but it won the tournament. In fact, investors are now funding the game’s development.

Written by Daniel Casarin

dicembre 21, 2009 at 9:49 am

Pubblicato su Strategie

Tagged with ,

The Future Of Innovation is Holistic And Networked

leave a comment »

di Tom Hulme

Innovation can be fragmented. Inside organisations, it has a tradition of different departments working in isolation behind closed doors, with varying degrees of empathy for the needs of their consumers. That kind of scenario is changing fast as the line between the consumer and industry blurs. For it to flourish, innovation’s future lies in a less disjointed approach – we’re already seeing signs of it becoming more holistic and collaborative.

A more holistic approach is now crucial because it’s increasingly difficult to create sustainable advantage without aligning every aspect of a consumer offer.  An interesting example is Apple, which is often cited as a a world-class product developer.  However, Apple’s potency is the fruit of its innovative approach to an ecosystem of product and service design, retail, marketing and manufacturing – it certainly didn’t invent the MP3 player and arguably didn’t build the most innovative one at the time.  Its dominance is ongoing proof that holistic business ecosystems deliver the greatest competitive advantage.

This holistic perspective also needs a lateral vision. As great ideas can be discovered in diverse and unexpected places, we need to collaborate in new and surprising ways. We believe that the best ideas come from crashing, combining and contrasting disciplines and perspectives, and technology is enabling us to do this in very different ways. At IDEO, we often involve disperse and eclectic networks of consumers and experts in creating and evaluating ideas. The effect is sometimes fusion, and sometimes fission, but the results are always fruitful. In particular, it has proved to us the value of seeking, as well as expert insights, the wisdom of the crowd.

Close collaboration with the consumer can give rise to remarkably effective and powerful business models. A particularly successful example can be found where the public intersect with the TV and record industries. X-Factor is a UK TV talent show (or American Idol in the US) in which viewers vote for the performers they like best. The format has transformed a business expense (record companies searching for fresh talent) into a revenue source (viewers pay to vote). Because singers are only launched on the market when the viewers have made it clear they will buy their music, risk for the record company is mitigated.

And it’s becoming clearer and clearer that consumers want to be involved. The popularity of Starbucks’ Mystarbucksidea.com which allows consumer to create and rate new ideas and keep up to tabs with developments, is a case in point. Opening direct communication with consumers globally, at relatively low cost will soon become the norm. The future of innovation is where big impact comes from applying a holistic approach and building a portfolio of innovations rather than one hit wonders, it will be where wisdom of the crowd is the first port of call rather than the last resort.

Written by Daniel Casarin

settembre 28, 2009 at 3:14 pm

Pubblicato su Trend

Tagged with

Il Triangolo della Conoscenza: Istruzione, Ricerca, Innovazione

leave a comment »

di Gabriele Caramellino In Cerca di Idee

L’ obiettivo è sensibilizzare all’importanza della creatività, dell’innovazione e dello spirito imprenditoriale, sia per lo sviluppo personale, che per la crescita economica e l’occupazione, stimolando la ricerca e favorendo il dibattito sul piano politico. Con il convegno nazionale (Unioncamere -Roma, 7 aprile 2009) si intende presentare l’iniziativa ed al contempo approfondire i temi oggetto dell’Anno europeo 2009. L’iniziativa prevede, tra le altre, le seguenti principali azioni:

– l’organizzazione di un evento nazionale per un approfondimento che coinvolga i maggiori decisori a livello comunitario e nazionale (Unioncamere, Horti Sallustiani, Roma, 7 aprile 2009);

– la promozione e la diffusione dei contenuti e degli orientamenti delle politiche europee sull’istruzione, la ricerca e l’innovazione, la creatività, e lo spirito imprenditoriale (concezione e diffusione di una pen-drive con tutta la documentazione utile a questo fine);

– il rafforzamento della collaborazione tra Università, centri di ricerca e piccole e medie imprese, anche attraverso l’utilizzo dei programmi europei e lo scambio internazionale;

– la moltiplicazione di iniziative su tutto il territorio italiano grazie alla collaborazione fra i punti delle reti europee e le autorità regionali e locali, nonché gli enti di ricerca e diffusione dell’innovazione, anche attraverso l’individuazione delle prassi migliori in tema di istruzione e formazione lungo tutto l’arco della vita, innovazione e creatività.

“Oggi, a Roma, sono stato al convegno La creatività nel triangolo della conoscenza: istruzione, ricerca, innovazione. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione ed è stata organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea per promuovere la campagna nazionale di comunicazione “Il Triangolo della conoscenza: Istruzione, Ricerca, Innovazione”, tesa a coinvolgere cittadini, imprese, mondo della ricerca nel costruzione del progetto europeo. Info qui.

Arrivo per la sessione del pomeriggio, incentrata sulla tavola rotonda “I mille volti della creatività nella società della conoscenza: management, ricerca, innovazione, arte, formazione”.

Il prof. Ezio Andreta, presidente APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, ha coordinato il dibattito, aprendo i lavori pomeridiani: “I temi di questa giornata sono estremamente attuali. Concentrerei l’attenzione su tre punti: società della conoscenza, creatività, innovazione. La struttura europea di produzione di beni e servizi è ancora basata su logiche quantitative. A livello strutturale, l’innovazione è una delle chiavi strategiche”.

La parola è passata al prof. Patrizio Bianchi, rettore dell’Università degli Studi di Ferrara: “Tra i problemi da affrontare, c’è quello di come una società si organizza per la diffusione della conoscenza. La società della conoscenza dovrebbe essere anche una società della curiosità. C’è differenza tra istruzione ed educazione: un sistema educativo dovrebbe indurre all’educazione”.

Ha proseguito il prof. Francesco Profumo,
rettore del Politecnico di Torino: “All’interno del campus universitario del Politecnico di Torino, abbiamo trasformato la conoscenza in economia, creando anche posti di lavoro. Successivamente, ci siamo accorti che mancava la finanza ed abbiamo portato un polo di venture capitalist”.

Catia Bastioli, amministratrice delegata di Novamont, azienda vincitrice del Premio Innovazione dell’Unione Europea 2007, ha spiegato: “Novamont nasce come centro di ricerca, da una realtà come Montedison. Nati nel 1989, l’uscita da Montedison è del 1996. Le nostre attività sono all’incrocio tra materie prime per l’agricoltura e chimica, con particolare attenzione a pensare in maniera innovativa alle bioplastiche. L’economia in cui siamo ancor oggi immersi è di tipo dissipativo, mentre la sfida è favorire la transizione da una economia di prodotto ad una economia di sistema, a partire dalla valorizzazione del territorio. Per noi, Novamont è un caso di studio e non solo un’azienda”.

E’ successivamente intervenuto Alberto Vincentelli, docente alla Berkeley University of California e venture capitalist: “Il fatto di riuscire ad inventare qualcosa non significa automaticamente riuscire a farne un prodotto da portare sul mercato. Il venture capitalist vuole ottenere un guadagno almeno venti volte superiore al rischio che si assume. I venture capitalist sono gruppi di professionisti che non investono il proprio denaro bensì il denaro ricevuto da soggetti istituzionali, mettendo a frutto la finanza, sebbene non siano legati alle banche come possa sembrare. Negli Stati Uniti, si dice che i tre fattori di successo per una impresa siano: people, people, people [persone, persone, persone, N.d.A.]. Inoltre, un venture capitalist guarda a cosa hai fatto in passato e a come ti rapporti con il mercato. Oggi, nella Silicon Valley, il denaro sta andando nella direzione dell’energia. Bisogna intendere la creatività come lateral thinking [pensiero laterale, N.d.A.] e come coraggio di rompere con il passato. E le idee migliori vengono fuori mettendo insieme discipline diverse”.

Annamaria Testa, consulente di comunicazione e saggista, ha aggiunto: “L’estetica è uno dei fattori competitivi per l’Italia. Il PIL [Prodotto Interno Lordo, N.d.A.] misura alcune cose ma non altre, e forse in futuro non sarà più l’indicatore che ci dirà se stare sereni o meno, e se essere felici o meno. La creatività nasce dall’integrazione di elementi e saperi differenti e distanti”.

Andrea Granelli, presidente Kanso, ha notato: “Serve un approccio maturo alla ricerca, all’innovazione, alla creatività. Oggi viviamo forme di inquinamento semiotico: si sta introducendo l’oblio digitale: siamo stanchi, collettivamente. La creatività può avere anche una accezione di malessere liquido: le persone creative spesso sono difficili da gestire in azienda. L’innovazione non è separabile dalla sua comunicazione. Bisogna distinguere la radicalità nell’innovazione, quando è nel processo produttivo e quando, invece, arriva a toccare l’utente. Attualmente, uno dei temi critici è la valutazione degli asset intangibili e temo che il credit crunch [stretta del credito, N.d.A.] potrà applicarsi anche alle aziende innovative, che sfuggono ai rating. Il venture capital funziona all’inizio ed esce appena può”.

Il dibattito è proseguito e Catia Bastioli ha affermato: “Il 10% del nostro fatturato è dedicato alla ricerca e il 30% della nostre persone sono impegnate in attività di ricerca. Il punto è saper riconoscere la creatività; inoltre è necessario saper capire i propri errori e lavorarci sopra”.

Annamaria Testa ha poi dichiarato: “La creatività è una competenza che serve a sviluppare altra competenza. Il linguaggio è il primo atto creativo. La creatività è tenacia, determinazione, talento, passione. La creatività non si insegna ma si impara per contagio. La tenacia e il senso della sfida andrebbero maggiormente valorizzati”.

Parola poi ad Alberto Vincentelli: “Si può innovare in modi diversi. Il livello di conformismo presente in Europa, e soprattutto in Italia, non si trova in Usa. Negli Stati Uniti, il denaro è una misura del proprio successo, non un valore in sé. La creatività è diversità”.

Andrea Granelli ha sintetizzato alcuni temi chiave: “La creatività deve essere considerata un fattore produttivo. L’intuizione può essere costruita, come afferma Richard Sennett nel suo apprezzabile libro L’uomo artigiano [Feltrinelli, N.d.A.]. L’Italia può avere un suo spazio: il design non è solamente estetica ma una vera e propria cultura di progetto. Joseph Schumpeter diceva che il vero imprenditore è colui che sa essere anticipatore”.

Written by Daniel Casarin

aprile 8, 2009 at 7:13 am

Pubblicato su Creatività

Tagged with ,

Blue Thinking

leave a comment »

Blue Thinking! È la prossima generazione delle strategie messe in atto da brands che intendono abbracciare la sostenibilità come strategia di business e driver per l’innovazione. Il Blue Thinking non è un nuovo metodo di vendita e commercializzazione, non riguarda l’innovazione di un prodotto, non un cambiamento nella catena di approvvigionamento (ma molti), e non è un concetto disconnesso che dovrebbe essere applicato alle imprese a causa del cambiamento climatico. Blue Thinking significa innovazione della trasformazione.

La locuzione “Blue innovation” è stata coniato da Bob Isherwood, ex Creative Director per Saatch & Saatchi Worldwide, che ha presentato al Sustainable Brands International (SBI) il suo pensiero traducendo l’onere della responsabilità ambientale in un “oceano blu di nuove opportunità” e di fare della sostenibilità un concetto “irresistibile” per gli individui. In questi tempi di crisi economica e di collasso di industrie che hanno ampiamente oltrepassato i limiti di crescita e di pianificazione a breve termine, sembra che si sia creato un dibattito in questi ultimi 2 anni, come un’ossessione al diventare sostenibile per i grandi brands e le grandi aziende. La nuova ondata di sostenibilità infatti è strategica e l’opportunità deve essere guidata. Si tratta di una risposta delle imprese ai cambiamenti economici e di contesto mondiale . È anche una reazione contro l’inerzia e la negatività ambientale; si tratta infatti di celebrare invece l’ispirazione e la forza dei brands di “accendere il potere delle emozioni” spiega Isherwood, “guidando l’innovazione”.

Il Blue Thinking non si ferma solo perché i bilanci sono sempre più ristretti. Ma il contrario: il Blue Thinking viene incorporato nella pianificazione strategica a lungo termine ed ora più che mai in questi tempi di trasformazione. Tutti i Blue Thinker condividono una particolare qualità: essi sono stati spinti emotivamente così come razionalmente dal contesto quotidiano del nostro pianeta, ad un contesto che utilizzi la trasformare nelle loro attività guidando una forma innovazione. Ray Anderson è un grande esempio, parla con passione su questo spostamento emotivo in grado di avviare le imprese ad una trasformazione. In questo contesto si può parlare di intelligenza ecologica e di media come AskNature.org. La storia di Ray Anderson con Interface è ampiamente descritta e la sua compagnia resta una delle leader mondiali nella sostenibilità come esempio di come applicare una strategia alimentata dalla risposta alle questioni ambientali. Il Blue Thinking può essere descritto come “autentica sostenibilità”.

Un altro importante attributo comune all’emergente Blue Thinking riguarda il suo forte legame alla strategia di marca. I Blue Thinker scavano in profondità nel cuore dell’organizzazione, il loro ruolo attuale e la posizione nel mondo, le loro competenze di base e il capitale umano, di forma e puntano a definire strategicamente la loro intenzione e il ruolo in un mondo sostenibile allineandolo con il core brand.

Written by Daniel Casarin

marzo 17, 2009 at 5:06 am

Pubblicato su Strategie

Tagged with